VENEZIA, BUONA LA PRIMA! TORINO SI ARRENDA DOPO UN SUPPLEMENTARE

Reyer-Torino-600x381

Comincia con un overtime e con un finale vittorioso in volata il campionato dell’Umana Reyer: superata un’ostica Fiat Torino 76-75.

Non c’è Bramos, influenzato, ma Watt torna a disposizione.

Lo starting five orogranata vede in campo Haynes, Stone, Washington, Daye e Vidmar. Con due triple (di Daye e Stone) e una grande stoppata di Vidmar gli orogranata partono meglio (6-3 dopo 1′), con Torino che mette il naso avanti (6-7) con la tripla di Rudd al 2′ minuto.

Haynes impatta a quota 9 ancora dall’arco al 3′ minuto, con gli ospiti che provano l’allungo dopo una grande azione dell’Umana Reyer (stoppata di Stone e seguente schiacciata di Mazzola su assist no look di Washington per l’11-12 al 4′): gli orogranata faticano infatti in attacco, pur difendendo bene e quindi contenendo il ritardo sull’11-16 al 6′.

Coach De Raffaele prova anche un quintetto con quattro italiani, con Haynes che completa il gioco da tre punti del 14-16 al 7′. All’intervallo breve si va sul 14-18 dopo i liberi di Cusin.

L’inerzia piemontese prosegue anche alla ripresa del gioco (14-22 all’11’), poi l’Umana Reyer alza ulteriormente l’intensità difensiva, trovando un ottimo impatto da Giuri e Watt, protagonisti fin dalla giocata (rimbalzo offensivo del centro e seguente pick and roll concluso con schiacciata) che apre il break orogranata.

Torino commette prima infrazione di 24″ e poi anche di 8″ sulla pressione veneziana, Stone colpisce dall’arco (due triple) e poi cinque di fila di Daye valgono il 29-22 (break di 15-0 in 4′) al 15′ minuto.

L’Umana Reyer torna a +6 (35-29) al 18’sulle triple di Daye (che tocca la doppia cifra) e Giuri. La Fiat sfrutta l’antisportivo di Giuri per pareggiare a quota 35, ma il numero 21 si rifà con la tripla allo scadere dei 24″ che manda le squadre all’intervallo sul 38-35.

Il secondo tempo si apre con l’assist di Vidmar per Daye e poi la tripla di Stone del 43-37 al 21′.

Giuri trova il canestro del 45-40 al 22′, ma Torino impatta a quota 45 al 24′ con il gioco da tre punti di Carr. Stone infila la quinta tripla su cinque tentativi, poi Biligha si mette in bella evidenza sia in difesa che in attacco (50-45 al 26′).

La partita resta però in equilibrio, perché la Fiat ricuce e si porta addirittura in vantaggio (50-51) al 29′.

E’ De Nicolao dalla lunetta, con poi il gran recupero di Cerella nell’ultima azione, a permettere all’Umana Reyer di chiudere il terzo quarto avanti 52-51.

L’attacco orogranata costruisce con buona circolazione in avvio di ultimo periodo e, sulla tripla di De Nicolao, è di nuovo massimo vantaggio: 58-51 al 31′.

In campo, le difese hanno la prevalenza sugli attacchi e il punteggio si muove poco. Torino si riavvicina sul 58-56 al 32′, poi Haynes si inventa una gran schiacciata in accelerazione (60-56 al 34′).

Pur sbagliando qualche libero di troppo, è ancora +7 (63-56) al 36′, anche se il match è tutt’altro che chiuso: pur perdendo per falli Taylor e McAdoo la Fiat è di nuovo in parità (65-65) all’ingresso dell’ultimo minuto.

Daye segna senza ritmo a -44″ e Haynes fa 1/2 dalla lunetta a -14″, ma il 68-65 non basta: l’ingenuo fallo di Daye su Carr a -3″ dà a Torino i liberi del pareggio e dell’overtime, perché sull’ultimo possesso Giuri non trova il canestro.

Il supplementare inizia con il libero di Carr del 68-69, Haynes fa 2/2 e Carr ancora 1/2 così è 70-70 al 41′.

L’Umana Reyer prova l’allungo con Watt e Haynes (74-70 al 42′), poi si va molto in lunetta: 2/2 di Delfino, 1/2 di Cusin a -1′ (74-73), 2/2 di Haynes a -9″ (76-73). Torino, con Cotton, ha ancora la tripla del pari, ma la fallisce, Cusin recupera il rimbalzo e segna sulla sirena, ma non basta: 76-75.

Attachment

Informativa breve
Questo sito utilizza cookie, solo di tipo tecnico e non di terze parti, per migliorare servizi ed esperienza degli utenti. Per maggiori informazioni leggi l'informativa estesa. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato il loro utilizzo.
Informativa estesa