Reyer vs Brindisi

Il Gazzettino di Venezia

De Nicolao, tripla fondamentale

I GIOCATORI

Due triple importanti nel primo ed ultimo quarto, la prima (14-7) a muovere un tabellino che fino a quel momento aveva visto segnare solo Peric la seconda a firmare il 2 (71-69, come aveva fatto qualche minuto prima col sottomano del 65-63) che ha dato Il la alla decisiva rimonta completata da Johnson dalla lunette Bramos

con la bomba del primo vantaggio orogranata dopo 39′ ad inseguire. C’è anche la firma di Andrea De Nicolao nel successo di Brindisi – quarto consecutivo fra campionato e Champions – e proprio al play di Vigodarzere probabilmente si riferiva coach De Raffaele sottolineando i nuovi che hanno già ac-quisito la «durezza mentale» che ha caratterizzato la scorsa trionfale stagione e l’inizio di questa in cui la Reyer difende lo scudetto. «Brindisi è un campo difficile, in cui il pubblico è in grado di accendere i giocatori. Lo si è visto fin dall’inizio, quando loro hanno approcciato la partita in maniera molto combattiva. Del re-sto arrivavano da due sconfitte e volevano vincere» ricorda l’avvio di gara il 26enne ex Treviso, Varese e Reggio Emilia, con la Reyer che ha subito l’esuberanza dei pugliesi chiudendo il primo tempo con 46 punti incassati.

«Però siamo stati bravi a rimanere aggrappati alla partita anche nei momenti di difficoltà» sottolinea De Nicolao riferendosi alle fasi in cui Brindisi ha toccato

vantaggi in doppia cifra. «Enel finale, quando la sfida si è decisa punto a punto, probabilmente abbiamo avuto qualcosina in più e siamo riusciti a restare uniti e solidi per dare l’ultimo assalto che si è rivelato vincente» spiega gli ultimi minuti del quarto pe-riodo quando, concedendo appe-na nove punti (sei tolta la tripla di tabella di Lalanne nell’ultimo possesso), i campioni d’Italia hanno infilato il break decisivo.

Il tempo di rifiatare è pochissimo perché la Reyer, rientrata ieri pomeriggio in aereo da Brindisi, domani sera ègià chiamata alla nuova sfida di Champions con l’Aek Atene, sconfitto all’esordio interno dall’Estudiantes. «I greci metteranno le mani addoss dice De Nicolao – sono molto fisici con tanti giocatori che hanno mi-litato in Italia come Mike Green e Sakota, coi quali ho giocato a Varese, e Delroy James. Provere-mo a metterli in difficoltà ricordando che siamo noi a giocare in casa e dobbiamo fare la partita».

G.G

Attachment

andrea
Informativa breve
Questo sito utilizza cookie, solo di tipo tecnico e non di terze parti, per migliorare servizi ed esperienza degli utenti. Per maggiori informazioni leggi l'informativa estesa. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato il loro utilizzo.
Informativa estesa