UNDER 15_4a giornata di andata-Per un punto il Vigo perse la partita!

Pall. Noventa – Pall. Vigodarzere    43 – 42

Parziali: 17-8; 9-16; 13-12; 4-6

Noventa: Varotto 2, Morato 5, Dante 2, Dissanayake, Nardetto, Ronconi 6, Masiero, Gregolin 14, Vanzan, Sapienza 2, Foglia 12, Rampazzo. All. Fiorentino V. Aiuto All. Pilotto A.

Vigodarzere: Baido, Tonietto 6, Fuamba 8, Grazian, Rosso, Pasqualotto 2, Niero 4, Agostini 5, Amico, Rinaldi, Tollin 13, Schiavon 4. All. Bettella A. Aiuto All. Schiavo N

NOTE

Tiri da 2: 11/47 23%         (Tollin, Agostini e Schiavon 2/5)

Tiri da 3: 2/18 11%           (Tonietto 1/2)

Tiri Liberi: 14/29 48%      (Tollin 6/7)

Falli Fatti: 13                      (Agostini e Niero 4)

Falli Subiti: 26                    (Fuamba 6)

Assist: 2                               (Niero 2)

Palle Recuperate: 24      (Fuamba e Pasqualotto 6)

Palle Perse: 21                  (Tollin 6)

Rimbalzi: 22 + 22 = 44     (Pasqualotto 12)

Stoppate Date: 7             (Pasqualotto 5)

Minuti: 200                        (Tollin e Pasqualotto 32, Niero 27)

Valutazione: 41                                (Pasqualotto 18, Tollin 14)

 

Vigodarzere esce sconfitto dalla trasferta di Noventa e perde la sua imbattibilità dopo tre vittorie consecutive. Partita subito in salita per i ragazzi di coach Bettella e Schiavo che soffrono la maggiore vitalità ed energia degli avversari che si portano subito avanti dopo il primo quarto di gioco. Nel secondo periodo il Vigo comincia a giocare e costruire buone trame offensive per arginare la difesa molto chiusa della squadra di casa. Si fa così negli spogliatoi con la partita riaperta e Noventa sopra di sole due lunghezze. Nel terzo quarto di gioco continua a regnare l’equilibrio, con il Vigo che si ritrova sempre ad inseguire di una o più lunghezze, vanificando il buon lavoro difensivo con delle pessime soluzioni offensive o errori banali in fase di conclusione. Negli ultimi dieci minuti di orologio va in scena la sagra dell’errore, da ambo le parti e non solo!

Vigodarzere che sotto di un solo punto si ritrova più volte la palla in mano negli ultimi istanti di gioco per provare a vincere la partita; purtroppo il canestro sembra stregato e la palla di entrare non ne vuole sapere proprio. Alla sirena finale a festeggiare sono i padroni di casa che, meritatamente, portano a casa il primo successo stagionale. Per Rinaldi e compagni molte recriminazioni per i tanti, troppi, errori in fase di conclusione e per un inizio di partita davvero imbarazzante.

Buone prove dal solito Matteo Tollin, top scorrer con 13 punti, e da Matteo Pasqualotto vero e proprio dominatore nell’area difensiva con 12 rimbalzi e ben 5 stoppate.

 

Informativa breve
Questo sito utilizza cookie, solo di tipo tecnico e non di terze parti, per migliorare servizi ed esperienza degli utenti. Per maggiori informazioni leggi l'informativa estesa. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo accettato il loro utilizzo.
Informativa estesa